Principi base della terapia extracorporea a onde d’urto (ESWT)

La terapia ad onde d’urto extracorporee (ESWT) per il trattamento della disfunzione erettile, costituisce un metodo non invasivo utile allo stimolo dei processi di guarigione. L’onda d’urto è un’onda acustica caratterizzata da una forte pressione di picco che si sviluppa in un tempo brevissimo, pari ad alcuni nanosecondi.

Per molto tempo, il meccanismo di azione biologica delle onde d’urto non è stato compreso; solo in epoca recente gli effetti sono stati descritti in modo circostanziato e preciso. Recenti pubblicazioni scientifiche riportano risultati soddisfacenti in diversi campi applicativi, quali ortopedia, vulnologia e trattamento della disfunzione erettile (vascolare).

 

Evoluzione della terapia ESWT

La terapia ESWT deriva direttamente dalla litotrissia (ESWT) la quale impiega le onde d’urto allo scopo di rompere i calcoli. Nel corso del tempo, grazie all’esperienza maturata nel trattamento di migliaia di pazienti, sono stati messi a punto alcuni sistemi dedicati che trovano impiego nella cura delle affezioni dell’apparato muscolo-scheletrico.

Utilizzata inizialmente per il trattamento delle tendinopatie e dei ritardi di consolidamento osseo, la terapia ESWT si è successivamente affermata come una delle applicazioni privilegiate dai medici nell’ambito della terapia conservativa.

Attualmente, la terapia ESWT viene consigliata anche per una serie di nuovi approcci curativi che intervengono anche sul trattamento della disfunzione erettile.